Digital Youth Work: Dig-it Up!

dig-it up

This post is also available in: English

Digital Youth Work: Dig-It up! è la pubblicazione che ho scritto (in inglese) insieme alle mie colleghe Joanna Wronska e Raphaela Blassnig nel 2017.

Racconta quello che abbiamo scoperto, studiato e imparato in due edizioni del nostro corso di formazione europeo per educatori / animatori / youth workers eccetera, che si chiama appunto Dig-It Up!, ne racconta il programma, la genesi e il contesto in cui è maturato.

E’ in giro da qualche mese, ma attento come sono all’auto-promozione, non ne avevo ancora parlato qui… e quindi rimediamo subito 🙂

dig-it up

Scrivere a 6 mani non era una cosa che avessi mai sperimentato, per di più in tempi diversi, difficili da incastrare e coordinare, ma ce l’abbiamo fatta e il risultato è pure finito tra gli allegati di un’altra pubblicazione, quella del gruppo di esperti creato dalla Commissione Europea su “Rischi opportunità e implicazioni della digitalizzazione per i giovani, l’animazione giovanile e le politiche giovanili”, tra i materiali di formazione sull’educazione al / con / nel digitale.

Abbiamo incluso anche alcuni dati e indicazioni dalle principali ricerche nel settore, a partire da EU Kids Online, che ci è stata raccontata nei dettagli dalla mia amica nonché referente italiana del progetto, Giovanna Mascheroni.
Noto a margine che nel frattempo la ricerca si è evoluta in Net Children Go Mobile, e sta continuando ancora con nuovi nomi e nuove caratteristiche.

Nel testo sono inclusi infine anche i contributi di Alexandra Corbu (Austria), Mariano Montesinos (Spagna), Kati Hopiavuori (Finlandia), Duncan Elliot (UK), Robert Ecker (Austria), Giacomo Frand Genisot (Italia), Vaia Manoli (Grecia), partecipanti a Dig-It up che hanno raccontato l’esperienza dal loro punto di vista e hanno brevemente raccontato i contributi dati da loro alle attività e che quindi ringrazio… anche per avermi sopportato per più di una settimana!

La pubblicazione si può scaricare dal sito ufficiale di Dig-It up! oppure leggere dal mio profilo su Issuu.

 

SalvaSalva